Organizzare i propri file nel PC

binders_r

In questa pagina: File a migliaia, il caos è in agguato, Le contromisure, la metafora della nostra casa, Come fare, Cosa dobbiamo saper fare, Un ordine perfetto, Qualche aiuto, Link

File a migliaia

Ogni lavoro che facciamo al computer, quando decidiamo di conservarlo, si trasforma in un file. Dove va a finire? Di solito nella cartella Documenti, che potrebbe avere altri nomi, come quello dell’utilizzatore del computer. Immaginiamo ad esempio Maurizio.

Il computer è nuovo e abbiamo fatto pochi lavori? Non c’è problema. Li ritroviamo subito.

Il caos è in agguato

Andiamo in Internet e cominciamo a scaricare le istruzioni per pagare le tasse, le ricevute dei pagamenti, musiche, video, articoli di giornale, libri, volantini e tanto altro che ci sembra interessantissimo… sono tutti file e vanno tutti in qualche cartella, magari in una che si chiama Download, oppure sul Desktop, oppure altrove

Il peggio succede se abbiamo dei file, nostri o altrui, su chiavette o altre memorie esterne e poi li ricopiamo tutti insieme nel PC, confondendo le versioni vecchie e superate (che teniamo perchè non si sa mai)  con quelle recenti, corrette e aggiornate. E peggio ancora se  seminiamo tutto in dispositivi diversi e nel cosiddetto cluod.

Presto ci troveremo ad avere una confusione pazzesca nei nostri archivi e non riusciremo più a trovare quello che ci servirà.

johnny_automatic_bellows_file_cLe contromisure

Il consiglio è quello di adottare una logica ferrea nell’organizzare tutti i nostri documenti, fin dall’inizio. Quale logica?

La metafora della nostra casa

Pensiamo a come è organizzata la nostra casa. In un cassetto in cucina troveremo le posate, mentre gli asciugamani li troveremo in bagno in un armadietto. Non ci verrebbe mai in mente di mettere i calzini in mezzo ai piatti. Potremo anche essere disordinati, ma se staremo cercando un libro cominceremo a cercarlo in una libreria.

La stessa logica la dobbiamo adottare nel computer, la cui memoria è suddivisa in ambienti e contenitori che possiamo immaginare come quelli di una casa.

Come fare?

Ciascuno deve inventarsi un proprio schema a secondo di quello che fa con il computer.

Di solito troviamo già predisposti nel computer delle cartella del tipo: Documenti, Foto, Video, Musica, ecc. Possiamo mantenere questo schema ma non basta certo.

Se usiamo il computer per lavoro, per i nostri hobbies e per la gestione familiare e magari ogni tanto lo usano anche altri come Carlo e Giovanna e noi ci chiamiamo Maurizio creiamo in Documenti le seguenti cartelle: Maurizio lavoro, Maurizio personale, Famiglia gestione, Carlo e Giovanna. Suddivideremo poi ogni cartella in sottocartelle per argomento e magari per anno. Nella cartella Gestione Famiglia potremo avere una cartella Tasse e, dentro quella, alcune dal nome IRPEF 2012, Irpef 2013, Irpef 2014, ecc

Cosa dobbiamo saper fare?

Ovviamente per fare queste cose dobbiamo avere qualche capacità: per esempio quelle di creare cartelle, di spostare i file, ecc. Tutte cose connesse all’uso di base del Sistema Operativo. Se non siamo capaci non si scappa, dobbiamo imparare.

É anche importante imparare a riconoscere i file e le loro caratteristiche (nome. estensione, date varie, dimensione, ecc)

Sicuramente utile è coscere la mappa del nostro computer (della memoria principale) che è sempre organizzata ad albero… come del resto un appartamento, si entra da un ingresso si accede alle varie stanze e dentro le stanze ci sono mobili con cassetti, e dentro i cassetti dei contenitori, ecc.  Come conosciamo la nostra casa è utile saperci muovere nella memoria del PC.  Oltre ai file dei nostri dati troveremo quelli del Sistema Operativo (stiamone alla larga) e di tutti i programmi installati. Il numero complessivo dei file potrebbe essere di 500.000 e oltre. Un bel numero che, senza ordine, diventa una tragedia.

Un ordine perfetto

Premesso che sarà impossibile ottenerlo, dobbiamo fare meglio possibile. Occorre dedicare del tempo, ma ne vale la pena. Pensiamo a due situazioni in cui l’ordine è ineludibile: il backup e un archivio fotografico.

  • Backup: Sapendo che le memorie si possono rompere con conseguente pardita i tutti i dati (succede, succede) è necessario fare periodicamente una copia dei dati (backup). É evidente che i file devono essere in ordine se no si aggiunge solo caos al caos.
  • Archivio fotografico: con le macchine fotografiche digitali è diventato necessario per ciascuno tenere in ordine migliaia di foto (file). Un cattivo archivio è quasi inutile, un buon archio fotografico diventa una nostra seconda memoria. Ne riparleremo.

Qualche aiuto

Per i casi più disperati, ma non può essere la norma, il computer ci offre degli strumenti di ricerca.
Esistono anche programmi per individuare file identici disseminati nel PC
Qui altri programmi e consigli che possono servire: http://aranzulla.tecnologia.virgilio.it/computer/software/utility-file-e-cartelle

Link

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Abilità di base, Sistema Operativo e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...