Interazione con tastiera e mouse

simpleoldtypewriter_r5
In questo articolo: Nuove forme di interazione?, Rimedi retrò, Tastiera, Mouse, Imparare a usare la tastiera, Programmi per imparare a scirvere velocemente, Regolare la tastiera, Imparare a usare il mouse, Uso e regolazione del mouse, Link
Livello di difficoltà: facile la comprensione, ben altro la messa in pratica, per esempio della scrittura alla ciaca. Tuttavia si consiglia di provare.

Nuove forme di interazione?

Gli strumenti usate per interagire con le apparecchiature  informatiche hanno subito nel tempo notevoli cambiamenti. Nessuno sa verso quale futuro ci dirigiamo. Occhiali e orologi che sono dei computer connessi a Internet sono solo due esempi di quello che ci viene proposto, per ora con scarso appeal. Si parla del prossimo IoT (Internet delle cose).

Per ora un vero successo l’hanno già avuto gli smatphone e in tono minore i tablet. I portatili, affiancati da versioni sempre più leggere, con schermi touch e in versioni ibride, dopo un periodo di crisi sembrano in ripresa. Tutti questi dispositivi fanno a meno, o possono fare a meno delle unità di imput tradizionali: la a tastiera qwerty classica e il mouse.

Lo scopo di questo articolo è invitare a riscoprire i vantaggi di queste interfacce che potrebbero apparire desuete.

Tablet e smartphone hanno il grande pregio della trasportabilità, ma impongono la rinuncia alla comodità della combinazione tastiera e mouse che solo il PC desktop (quello fisso da scrivania) offre.

I portatili hanno di solito tastiere un pochino più scomode, con tasti ravvicinati, in numero ridotto, non sempre disposti in modo canonico e a volte prive del tastierino numerico. Alcune dispongono di schermo touch, in genere più piccolo di quelli standard (che per i portatili è di 15,6″), il tutto sempre a vantaggio della trasportabilità, ma a discapito della comodità, che vuol dire capacità operativa… aspetto non trascurabile per chi lavora o comunque vuole produrre qualcosa.

Rimedi retrò

Per un portatile il rimedio è semplice, basta aggiungere una semplice tastiera e un mouse (tastiera e mouse con filo vanno benissimo)  alla porta USB, da usare quando si sta in sede (casa o ufficio). Nessuno vieta di aggiungere anche un bel desktop.  Il costo dell’accoppiata di tastiera e mouse è irrisorio, quello del desktop non è proibitivo, ma per chi vuole o deve vedere bene ne vale la pena.

Tastiera

Per la tastiera, se decidete di acquistarla, raccomando di provarla prima, premendo qualche tasto anche sa spenta. I tasti non devono affondare mollemente, ma tornare allo stato iniziale con forza e prontezza, quasi facendo rimbalzare le dita indietro. Evitate le tastiere che hanno numerosi tasti aggiuntivi quanto inutili. Controllate piuttosto che la disposizione sia quella classica… la più comoda: la qwerty italiana. Non tenete conto del prezzo se a volte queste tastiere sono fra le più economiche ma quelle che servono.

Per ciechi e ipovedenti la tastiera, nel primo caso accompagnata da sintesi vocali che funzionano ottimamente,  è indispensabile.

Mouse

Troverete muose con filo di buona marca a prezzi minimi. Cosa volete di più? Fine del consiglio.

Imparare a usare la tastiera

801px-Qwerty_it.svg

Schema tasrtiera qwerty italiana classica. Immagine tratta da Wikipedia

Ricordate quando un tempo negli uffici si usava la macchina da scrivere? C’erano della gare di abilità a chi scriveva più rapidamente e senza fare errori (e forse ci sono ancora). Alle macchine da scrivere era allegato un libricino per imparare a battere i tasti velocemente e nelle scuole si usavano tastiere di cartone per l’addestramento. In alcune, di indiririzzo commerciale, era obbligatoria una materia che si chiamava Dattilografia. Le gare e tutto il resto forse non esistono più, ma c’è ancora una bella differenza fra il saper scrivere decentemente (se non con dieci dita, sicuramente con due mani) e lo scrivere con un dito solo cercando ogni volta i tasti a tentoni… Purtroppo, o per fortuna, i computer che leggono nel pensiero non sono ancora stati inventati e i programmi che convertono la voce in testo scritto commettono ancora parecchi errori.

Chi non ha mai usato una tastiera può battere 30 caratteri al minuto. Chi comincia a muoversi  con un minimo di disivoltura arriva facilmente a 100 c/m. Una buona abilità si ha sui 300 c/m. C’è chi arriva a 700 c/m senza essere un professionista, ma su testi facili e ripetitivi. I campioni oltrepassano 400 c/m su testi difficili e per lungo tempo fino ai record mondiali di oltre  900 .

Vediamo dei semplici consigli:

  • tenere una posizione del corpo e degli strumenti che sia comoda (altezza, distanza, ecc.).
  • tenere la due mani sempre sulla tastiera, anche se inizialmente non si saprà come usare la mano meno abile.
  • provare a posizionare gli indici delle due mani sui tasti che hanno una lineeta in rilievo, a destra la “J” e a sinistra la “F”.

Il top della operatività si raggiunge con la scrittura “alla cieca”, quella che non richiede il controllo visivo della tastiera. Molti esperti consigliano di impararla senza esitazione. Forse è pretendere troppo da un utente comune, ma non è detto.

Programmi per imparare a scrivere velocemente

Esistono dei ottimi programmi per migliorare le proprie prestazioni alla tastiera e per misurarle. Se li prendiamo come dei giochi otterremo senza grande sforzo dei notevoli risultati.

Alcuni consigliano di utilizzare chat e messaggistica … per stimolare le proprie capacità, dove si deve scrivere e rispondere in fretta, ma anche mail e forum, dove si lavora con maggior calma, sono utili.

Regolare la tastiera

Qualunque tastiera è regolabile. Di solito da Start / Pannello di controllo /Tastiera / ecc.

Imparare a usare il mouse

wooptoo-Mouse-buttons xI bambini che trovano a portata di mano un mouse imparano a usarlo in un batter d’occhio. Per gli adulti la strada è più difficile. A volte occorrono parecchi mesi.

Un buon metodo per allenarsi è fare dei giochi come il solitario (Freecell o simili) o provare a disegnare con programmi semplici come Paint e simili.

Uso e regolazione del mouse

Per quanto riguarda i tasti un semplice suggerimento: il tasto sinistro serve per le operazioni correnti, il destro per quelle meno comuni. La rotellina svolge fiunzioni diverse a secondo del contesto. Occorre provare ogni volta.

I tasti sono invertibili via software (operazione consigliata per i mancini) e così sono regolabili tante altre funzioni, tempi di risposta, ecc. Di solito da Start /Pannello di controllo /Mouse / ecc

Link

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Abilità di base, Hardware e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...