Software per scrivere

simpleoldtypewriter_r5 3simpleoldtypewriter_r5 3simpleoldtypewriter_r5 3

In questo articolo: Altri consigli?, La scrittura digitale, Quanti programmi!, Le varie categorie, Criteri per scegliere, Quelli che abbiamo già, I wordprocessor, Editor di testo che facilitano la programmazione, Da provare, Link
Livello di difficoltà: facile leggere l’articolo, forse meno trarne indicazioni utili per ciascuno.

Altri consigli?

In Internet si trovano già molti consigli sui software per scrivere (vedi i link a fondo articolo). Aggiungo qui alcune considerazioni per orientare chi è inesperto, basate sia sulla consapevolezza delle difficoltà che si incontrano nell’apprendimento dell’informatica, sia sull’esperienza personale. Seguono dei suggerimenti che, prendendo atto della disponibilità di nuovi e accattivanti software, destinati ad usi particolari o comunque diversi da quelli più tradizionali, invitano a sondare nuove strade.

I consigli sono particolarmente dedicati a chi intenda:

  • utilizzare il PC per  le attività più comuni, tipo ufficio o personali, come previste nella ECDL (Patente Europea di Informatica),
  • muovere i primi passi verso un minimo di programmazione, magari semplicemente per correggere il codice HTML di qualche blog, con strumenti che facilitino il compito
  • essere aggiornato sulle possibilità, meno scontate, che software nuovi o meno conosciuti, stanno aprendo.

In fondo c’è lo spazio per dire la vostra… sempre gradita.

La scrittura digitale

Che cosa vi viene in mente alla parola scrivere? Forse a carta e penna, o magari a una o più pagine pagina ben scritte e stampate che potete preparare facilmente, opure a un volantino con qualche immagine. Il paradigma della carta è ben radicato.

Da tempo si prospetta un passaggio dalla carta al digitale che tarda ad affermarsi.  Si tratta di un processo in corso, favorito dall’uso di Internet, che probabilmente raggiunge livelli diversi a secondo dei settori.
Sembra giunto ad uno stadio definitivo per qualunque elenco (nessuna biblioteca usa le schede cartacee per ricerche e prestito), più avanzato per l’informazione (quotidiani e e relativa pubblicità sono sempre più online) e per la fotografia (la maggior parte delle foto ormai sono diffuse con tale mezzo da qualunque device con grande facilità), più arretrato per l’editoria, almeno in Italia (dove gli ebook hanno ancora un mercato limitato) e per la documentazione testuale. La carta, specie se ad uso burocratoico o fiscale, è ritenuta ancora offrire una maggior garanzia di conservabilità, di reperibilità e di autenticità (è notizia recente che molte catene commerciali rifiutano di accettare le tessere di affiliazione visualizzabili su un display).

Il computer è prima di tutto un formidabile elaboratore di dati e con i testi, che sono sempre dei dati digitali, è in grado di ricavarne una infinità di elaborati. E ne ottiene ancora di più con Internet e con la diffusione dei dispositivi che vi si connettono.

Forse bisognerebbe partire da qui, da quello che si può fare, per avere un’idea delle sue potenzialità. Ci limitiamo a qualche accenno.

Quanti programmi!

Se cerchiamo in un noto sito di download la parola “word processor” troviamo oltre 1000 software, se cerchiamo “text editor” ne troviamo oltre 7000. Tranquilli! Quelli più noti e correntemente utilizzati ovunque stanno sulle dita di una mano. Ma perchè non provare qualche nuova esperienza meno convenzionale?

La varie categorie

Dicevamo che la scrittura digitale può mirare a scopi diversi. Basti pensare che non serve solo a produrre qualche foglio stampato, ma ad organizzare il pensiero, a ricordare, a programmare, a comunicare attraverso vari canali e dispositivi, ecc. Per ognuna delle diverse attività esistono software adatti. Tutti (o quasi) li possiamo scaricare gratuitamente da Internet per soddisfare ogni esigenza.

Seguiremo qui un criteri più pratico di suddivisione dei vari software:

  1. programmi di videoscrittura o word processor, tipo Office, servono per un uso vario, sono potentissimi, sono dotati di funzioni così sofisticate che pochi conoscono e soddisfano le esigenze di un tipico lavoro d’ufficio ma sono ottimi anche per la produttività personale. Difficilmente un PC ne è sfornito.
  2. E gli altri? Ce ne sono di semplicissimi che non sono affatto da disprezzare perché hanno un loro campo di utilizzo. Oltretutto li abbiamo già nel computer.   Simili a questi sono vari programmi utilizzati dai programmatori, dall’aspetto poco sofisticato apparentemente simili ai più semplici, ma arricchiti dalla capacità di riconoscere i vari linguaggi di programmazione, di evidenziarne il codice, di presentare i testi con le righe numerate e indentate e di individuare gli errori di codificazione e anche quelli di ortografia. Particolarmente utili per chi vuole produrre, o semplicemente correggere il materiale per Internet, specialmente quelli che lavorano meglio con l’HTML.
  3. Altri software, variamente specializzati, posso servire per organizzare appunti, per scrivere testi complessi come romanzi e sceneggiature, per scrivere ebook e tante altre cose che vedete nell’elenco. Il panorama di questi software si sta allargando, grazie alla diffusione di nuove tecnologie, come i vari device portatili, la connettività, il cloud, ecc.

Non parliamo qui dei programmi specificatamente dedicati al formato PDF e degli editor HTML visuali cui dedicheremo articoli a parte. Non parleremo nemmeno dei programmi per scrivere cose molto particolari, come  per esempio la musica.

Criteri per scegliere

Nelle indicazioni vorremmo tener conto di molti fra i seguenti aspetti. Non sempre però è possibile essere precisi anche perché la situazione è in contiuna evoluzione (ci ripromettiamo di essere più precisi nel tempo). Alcuni aspetti vanno considerati in funzione delle esigenze di ciascuno. Alcuni dati li potete trovare sui siti originali o sui siti di download.

  • la localizzazione in italiano e, se serve, in altre lingue, sia nell’interfaccia, sia nelle guide, meglio ancora, se esiste un forum di riferimento, dove degli esperti possano dare dei suggerimenti in caso di difficoltà, meglio se in italiano. Importante in alcuni casi la presenza di un buon correttore ortografico in italiano.
  • la compatibilità con i tipi di file che ci servono, fra cui ci possono essere i seguenti: TXT, DOC, DOCX, ODC, RTF, PDF, HTML, XML, EPUB…
  • il costo, da valutare a fronte delle offerte completamente gratuite che si trovano in Internet
  • le nostre competenze e abilità, sia nella scrittura di per sè che nell’approccio agli strumenti informatici, spesso legate alle abitudini acquisite. Ci sono persone che scrivono di getto in modo perfetto (vedi il caso del famoso giornalista Indaro Montanelli) ed altri che invece hanno bisogno di rielaborare più volte il proprio testo.
  • la possibilità di una scrittura collaborativa
  • la possibilità di condividere facilmente i lavori in corso in diversi device
  • la dimensione in Byte (di solito MB)
  • lo stato di aggiornamento

Quelli che abbiamo già

Per prima cosa è  bene sapere che anche nel nostro computer abbiamo programmi per scrivere che magari non usiamo mai.

Blocco note (notepad)

Si trova in  Programmi / Accessori.
Incluso in Windows non permette nessun tipo di formattazione del testo e nessun inserimento di grafica. A cosa serve? Per esempio per ripulire un testo, copiato e incollato da altra fonte, da ogni formattazione, riducendolo a puro testo.  Un programmatore potrebbe essere in grado di creare delle pagine web. Scomodo ma possibile.
É dotato di menù (ridotti all’osso) e di una buona guida in italiano. In questa si scoprono alcune funzioni insospettabili. Fra quelle scontate c’è Trova e Trova e sostituisci. Molti non sanno che qualsiasi programma in grado di scrivere ha sempre queste due funzioni, se legge. come un browser, almeno la prima. Non ha il correttore ortografico. É in grado di  utilizzare, nella versione 5, i seguenti set di caratteri: ANSI, Unicode, UTF-8

Wordpad

Si trova in  Programmi / Accessori.
Si presenta meno spartanamente del Blocco Note ma non fa molto di più. Permette la formattazione del testo e l’inserimento della grafica, ma il tutto in modo estremamente rudimentale. Potrebbe servire in un PC per leggere o per semplici lavori in vari formati che fosse privo di un buon programma di videoscrittura, cosa che non mi è mai capitata di vedere. Di fatti è pochissimo conosciuto e usato. In ogni caso è sempre a portata di mano.

Qui una guida: http://windows.microsoft.com/it-it/windows/using-wordpad#1TC=windows-7

I Word processor

Word di Microsoft Office

Si dice che sia il programma di videoscrittura  più diffuso e famoso al mondo. Occorrerebbe fare i conti con i cinesi che da tempo hanno prodotto una specie di clone di cui sappiamo poco o nulla, salvo il fatto che i cinesi sono il maggior numero di utenti di Internet. Dispone di una infinità di funzioni. Si calcola che un utente medio ne usi una minima parte (il 10%?), che ne usi saltuariamente qualcosa in più e che ignori completamente le funzioni più avanzate. Nella ECDL si chiede la conoscenza di cose strane come la Stampa Unione. Nella ECDL advanced si impara a fare qualcosa in più.
Dalla versione 2007 (seguita dalla 2010) ha cambiato l’interfaccia e il formato dei file DOCX che non è più compatibile con quello delle versioni precedenti DOC. Esiste un programmino che permette la conversione. La versione 2003 aveva già tutto. Chi ne dispone non comprende il motivo del cambiamento.
I formati DOC e DOCX sono proprietari (non sono formati aperti). Altri programmi riescono ad utilizzarli in lettura e in scrittura con una compatibilità quasi completa. Tuttavia una Amministrazione Pubblica non dovrebbe mai pubblicare (per esempio sul web) nulla in un formato proprietario, che vuol dire costringere (in teoria) un cittadino ad utilizzare solo quel software per interagire. Si tratta di una norma, almeno etica se non scritta, largamente disattesa.  Immaginate se per recarsi al pronto soccorso fosse richiesto obbligatoriamente l’uso di una auto di una determinata marca e tutti gli altri fossero esclusi.

Writer di Libre Office e Open Office

Se non si vuole spendere per l’acquisto di Microsoft Office non c’è alcun motivo di copiarlo illegalmente (craccarlo). Eppure tanti lo fanno. Writer è un ottimo programma che fa tutto alla perfezione. Forse zoppica un pochino in qualche comando, ma è più che altro questione di abitudine. Fa alcune cose meglio di Word. Recentemente Writer di Libre Office sembra aver superato il gemello di Open Office.

Editor di testo che facilitano la programmazione

PSPad

Non sembra un software particolarmente considerato nelle varie recensioni. Tuttavia  facilita moltissimo il controllo e la correzione del codice HTML: evidenzia i tag, espande il listato. lo distribuisce su righe numerate e indentate in modo logico, offre uno strumento di verifica che segnale gli errori di codificazione.

Notepad++

Se ne parla un gran bene. In alternativa a PSPad. Per i programmatori professionisti non c’è dubbio che sia meglio, ma per un utente con esigenze limitate?   Le stesse facilitazioni di PSPad non le trovo in Notepad ++ che sicuramente avrà altri pregi. Difficile anche localizzarlo in italiano, con tanto di correttore ortografico.

Da provare

Editor di testi per programmazione

Alternativi a Word e Writer

Per appunti e per riordinare le idee

  • Evernote https://evernote.com/intl/it/  utile anche per lavorare su più dispositivi sfruttando il cloud
  • WikidPad da completare
  • TreeSheets da completare

Per scrittori, sceneggiatori

Per e-book

Per un blog

Per una scrittura logica

Per lavori di impaginazione (volantini, giornalini, ecc.)

Link

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Software e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...